IoT

Internet of Things

Da Wikipedia: In telecomunicazioni Internet delle cose (o, più propriamente, Internet degli oggetti o IoT, acronimo dell’inglese Internet of Things) è un neologismo riferito all’estensione di Internet al mondo degli oggetti e dei luoghi concreti […] L’Internet delle cose è vista come una possibile evoluzione dell’uso della Rete. Gli oggetti si rendono riconoscibili e acquisiscono intelligenza grazie al fatto di poter comunicare dati su se stessi e accedere ad informazioni aggregate da parte di altri. Le sveglie suonano prima in caso di traffico, le piante comunicano all’innaffiatoio quando è il momento di essere innaffiate, le scarpe da ginnastica trasmettono tempi, velocità e distanza per gareggiare in tempo reale con persone dall’altra parte del globo, i vasetti delle medicine avvisano i familiari se si dimentica di prendere il farmaco. Tutti gli oggetti possono acquisire un ruolo attivo grazie al collegamento alla Rete. L’obiettivo dell’internet delle cose è di far sì che il mondo elettronico tracci una mappa di quello reale, dando un’identità elettronica alle cose e ai luoghi dell’ambiente fisico. Gli oggetti e i luoghi muniti di etichette Identificazione a radio frequenza (Rfid) o Codici QR comunicano informazioni in rete o a dispositivi mobili come i telefoni cellulari. I campi di applicabilità sono molteplici: dalle applicazioni industriali (processi produttivi), alla logistica e all’infomobilità, fino all’efficienza energetica, all’assistenza remota e alla tutela ambientale.

InNOVA Bergamo ha organizzato una serata dedicata al tema dell’Internet of Things, invitando Pier Bardoni, co-fondatore di Things, un’azienda di design fisico-digitale (http://things.is/).

Attraverso l’IoT i devices sono messi in connessione con le persone per poter migliorare la loro vita; gli oggetti non sono più passivi, ma possiedono diversi gradi di intelligenza interna e connessione, e raccolgono dati in tempo reale. Bardoni ha presentato alcuni prodotti creati da Things: Sclack, che permette di controllare ogni chiusura elettronica e condividere facilmente l’accesso tramite delle chiavi digitali; Ulock, un lucchetto per biciclette senza chiavi, che si controlla dallo smartphone tramite connessione bluetooth, è geolocalizzato, sicuro e duraturo; Parkey, una app che permette di trovare facilmente parcheggio, entrare, pagare e uscire nelle aree di parcheggio in Milano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*