ex magazzini BG

Gamec, un futuro in bilico. «Non possiamo aspettare»

Riportiamo di seguito l’articolo pubblicato  il 23 marzo 2013 da l’Eco di Bergamo, dove si ripercorrono i temi e gli interventi dell’incontro ubi Gamec organizzato da InNova Bergamo e Italia Nostra.

DINO NIKPALJ

Le ragioni della serata le tira Giorgio Gori, presidente di InNova: «Il timore è che spostando un pezzo si lasci un vuoto». Il pezzo è la nuova Galleria d’arte moderna e contemporanea destinata ai Magazzini generali. Il vuoto possibile è quella Montelungo, oggetto misterioso in cerca di destino. E ad InNova ed Italia Nostra va un grande merito: quello di un confronto (il primo) pubblico sul tema. Dal titolo geniale – ubi gamec, con riferimento all’istituto di credito, partner dell’operazione – senza rete e davvero aperto a tutti. Prova ne è il fatto che dopo gli interventi programmati,all’Urban Center (strapieno…) hanno fatto capolino quelli di Pippo Traversi, progettista della nuova Gamec e dell’assessore all’Urbanistica Andrea Pezzotta. E soprattutto quello di Cristina Rodeschini, responsabile di Palafrizzoni per la Carrara e la Gamec. «La Montelungo è un’area di potenzialità straordinaria, ma che un’amministrazione comunale nelle situazioni attuale non può gestire in autonomia. Una sua eventuale acquisizione comporterà tempi difficilmente stimabili in meno di 15 anni». E questo «per una realtà come la Gamec che non ha spazi sufficienti non va bene, abbiamo bisogno di tempi brevi. E anche la Carrara, perché i suoi eventi dimezzano la Gamec per almeno 6 mesi. Una nuova sede è indispensabile per la sopravvivenza e lo sviluppo del museo».

«Un progetto ben più ampio»

Il che non inficia la fondatezza degli interventi tesi a rilevare (giustamente) come la collocazione della Gamec nell’ex caserma avesse più di un senso. «È un progetto che riguarda una porzione di città ben più ampia» rileva Stefano Zenoni (consigliere comunale della Lista Bruni e urbanista) illustrando l’evoluzione della struttura nei vari strumenti pianificatori urbanistici. A significare che «sulla Montelungo si era sedimentata un’idea di città». Stratificata nel corso degli anni e quasi partecipata, sul modello di quanto successo a Friburgo in generale e nel quartiere Vauban in particolare (nato tra l’altro dal recupero di una caserma), come ricorda Mariola Peretti di Italia Nostra. Per contro Zenoni è perplesso «sul fatto che un’area come quella che ospita i Magazzini generali (via Rovelli – ndr) possa essere rivitalizzata con un singolo intervento». Mancherebbe cioè quella visione globale che ha trovato forma compiuta nel Pgt con il cosiddetto Polo della cultura che comprendeva la Montelungo da destinate alla nuova Gamec. Non una scelta casuale, ma rispettosa della storia e della vocazione dell’area intera.

Il caso Magazzini Generali

Ed è proprio seguendo questo fil rouge che si sviluppa la serata, ritrovando le ragioni di una scelta e aprendo al confronto. Con tutte le perplessità del caso: «Quello di Ubi non è un regalo alla città, serve un ulteriore approfondimento» spiega Serena Longaretti, presidente di Italia Nostra. «Rileviamo un difetto di comunicazione, di condivisione, di discussione di un’idea di fondo» aggiunge Gori: «Proviamo a recuperare in extremis, sperando non sia tardi». Anche perché «Porta Sud, le stanze verdi e il polo della cultura erano gli assi portanti del Pgt» ricorda Francesco Valesini, presidente dell’Ordine degli architetti. «La prima è naufragata, le seconde sono difficili con questa crisi, se viene meno anche il polo della cultura…». E sull’allocazione della nuova Gamec agli ex Magazzini generali ribadisce: «Non è una donazione alla città, e per noi il concorso pubblico è fondamentale».

I conti che devono quadrare

«La Gamec non ha più gli strumenti adatti, spazi per i depositi e per le esposizioni» ricorda però Traversi. E soprattutto: «Vi invito a pensare che se esiste una soluzione migliore dei Magazzini Generali, questa deve essere amministrativamente e concretamente praticabile, e non solo negli auspici».«La Montelungo non può essere abbandonata: serviranno 15 anni? Trattiamo comunque. Va chiesta, deve essere fonte di discussione» attacca Paola Tognon, consigliere comunale Pd. La risposta arriva da Pezzotta: «Il tema economico è di fondamentale importanza se ci occupiamo di amministrazione: l’urbanistica aspira a visioni che possono rimanere tali se non si coniugano con la sostenibilità economica». Quindi, ora come ora, la sola possibilità di nuovi spazi per la Gamec sono i Magazzini Generali. Sempre che Ubi dia un colpo d’acceleratore, beninteso. E per la Montelungo? «Stiamo trattando col Demanio: chiederemo una porzione più ridotta della parte più nobile già ristrutturata come standard urbanistico, da destinare a spazi pubblici», spiega l’assessore. E per il resto sarà fondamentale il ruolo dei privati.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*